topleft topright

Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player



Il mito e i diritti

VIII EDIZIONE dedicata alle vittime di Lampedusa e alle donne, agli uomini e ai bambini vittime dei Diritti negati. La nave dei Diritti umani spiega le sue vele da Genova verso il Mediterraneo, e il grande tema è quello delle Donne e i Diritti negati. Il mare unisce nord e sud, Europa e Africa uomini e donne, religioni e culture verso la speranza di un rinnovamento, della giustizia sociale e della parità. Il Festival pone al centro del programma, in questa nuova edizione, i temi della Legalità, dei Diritti delle Donne e dell’Umanità, declinandoli in tutte le sezioni e iniziative: dal teatro sul Mito all’arte contemporanea, dall’imprenditoria al femminile a sostegno dei Diritti Umani al cibo come Diritto, fino allo show coking indagandone il suo aspetto spettacolare.

Spettacoli e conferenze-spettacolo

Il Mediterraneo e il Mito: primo bacino di riflessione sui Diritti, la Legge, la nascita della Democrazia. Proiettati nella vita attuale diventano vivaio di sollecitazioni e stimoli di riflessione per leggere il presente. Elena, Ulisse, Matilde di Canossa, Elettra, Fedra, Ecuba, Edipo vengono presi dal passato e rigettati nel presente, dove assumono forme nuove e rivestono i panni della contemporaneità per insegnarci dove nascono i Diritti negati e conquistati nella contemporaneità.

Il mito in cucina e grandi incontri

Il Mito al centro della contemporaneità: indagini, riflessioni, pensieri sul valore e sul significato dei Miti dall’antichità ad oggi. Quali sono i Miti moderni? In che modo la mitologia classica rivive nel tempo presente? Filosofi, giuristi, scrittori, psicanalisti, giornalisti, registi, attori si confrontano in una serie di incontri, workshop e conferenze spettacolo. Gustosi aperitivi e cene diventano il pretesto per ascoltare personaggi chiave della cultura contemporanea, discorrere di temi legati al Mito in un ambiente informale.

Corsi di cucina e show cooking

Strumento di potere o mezzo di sostentamento, arma di seduzione o possibilità di espressione creativa, il cibo gioca da sempre una parte principale nella definizione della condizione femminile nella società. Per la prima volta l’edizione 2013 del Festival ospita eventi di Show Cooking e corsi di cucina in collaborazione con l’Istituto Alberghiero Bergese. Nel primo pomeriggio vi sono corsi dedicati alle scuole, mentre a seguire show cooking con chef che presentano le ricette più originali, adatte alle famiglie e nel tardo pomeriggio per adulti.

Il mercato a palazzo

Una piccola ma preziosa esposizione di prodotti enogastronomici di alta qualità offrirà tutti i giorni, in diversi orari, assaggi e degustazioni gratuite per il pubblico.

Lady truck

Il progetto Lady Truck Imprese Eccellenti al Femminile nasce nell’ambito del Festival nel 2011 con la finalità di valorizzazione delle eccellenze femminili che sono uscite dai confini del territorio con risultati straordinari. Per l’ottava edizione l’attenzione è rivolta alle “Donne d’Impresa per i diritti Umani”. La sezione Lady Truck includerà quindi installazioni artistiche e video interviste a diverse donne del mondo dell’imprenditoria e della cultura.

Svelamenti – cibarsi d’arte

Svelamenti avvicina all’Arte giovani artisti che si stanno formando grazie a una residenza. Realizzato in collaborazione con l’Accademia Linguistica di Belle Arti, in sette anni ha formato 75 giovani artisti internazionali. Gli artisti partecipanti quest’anno sono: Vanessa Arrighi, Andrea Bodon, Silvia Giuseppone, Mihail Ivanov, Anto Milotta. Il cibo e le sue personificazioni abitano l’immaginario contemporaneo, in positivo o in negativo, ivi compresi i disturbi alimentari. Alla progettazione di installazioni da realizzare con materiali commestibili è dedicato il progetto di arte. Le installazioni saranno realizzate con la collaborazione degli studenti dell’Istituto Alberghiero Bergese e con gli chef, in una performance collettiva; nella giornata finale gli artisti distruggeranno le installazioni con il pubblico, mangiandole.

Premio ipazia all’eccellenza al femminile – IV edizione

Il Premio è realizzato in collaborazione con il Comune di Genova e il Ministero degli Esteri e prevede due sezioni, internazionale e nazionale. Valorizzando e rendendo noto all’attenzione di tutti l’esempio di Donne che con la loro attività intellettuale e artistica hanno dato volto, forza e valore al Femminile, vuole essere un esempio di speranza per le giovani generazioni. Ha premiato fino ad oggi: Carla Fracci, Elisabetta Pozzi, Maria Luisa Spaziani, Lina Ben Menni, Ashma Mahafouz, Maria Aronis. Il premio materiale viene offerto ogni anno dalla Gioielleria Gismondi. L’attribuzione del Premio ha luogo il 25 novembre, Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne, intendendo aggiungere una voce alla lotta delle Donne per i Diritti e per la Parità.

Premio ipazia alla nuova drammaturgia

l Festival presenta la prima edizione del Premio Ipazia alla Nuova Drammaturgia in collaborazione con Teatri, Accademie d’Arte Drammatica e Festival nazionali. Ogni anno autori e autrici possono partecipare a un bando scrivendo un testo teatrale che affronta tematiche legate al mondo femminile. Per il 2013 il tema proposto è stato: “Uomini e donne: un conflitto?”. Il premio materiale, un gettone d’oro, viene offerto ogni anno dalla Gioielleria Gismondi. Durante la premiazione si darà lettura del testo vincitore ad opera di una giovane compagnia teatrale.

Guarda tutti gli eventi »

Area Riservata
Edinet - Realizzazione Siti Internet