topleft topright
Image



22 novembre: ORLAN e Liliana Cavani

A5 French fold.indd

PREMIO IPAZIA ALL’ECCELLENZA AL FEMMINILE VIII EDIZIONE

sezione Internazionale e Nazionale

Genova 22 novembre 2017 – Teatro Duse ore 16:00

Il Premio è il riconoscimento per una donna che si sia notevolmente distinta ed abbia contribuito, con il proprio operato, al miglioramento culturale, sociale ed economico del proprio Paese e/o tramite le proprie battaglie, al progresso nell’ottenimento dei diritti femminili.
Nelle passate edizioni sono state premiate:
Carla Fracci (2010), étoile; Elisabetta Pozzi (2011), attrice; Lina Ben Mhenni (2011), blogger tunisina candidata al Nobel per la Pace; Asma Maafoz (2011), blogger egiziana candidata al Nobel per la Pace; Maria Aronis (2012), Medico Chirurgo greca; Maria Luisa Spaziani (2012), poetessa; Eva Canterella (2013), grecista italiana; Margarethe Von Trotta (2013), regista tedesca; Emma Dante (2014) attrice e regista; Ewa Lipska (2014) poetessa; Valentina Cortese, attrice (2015); Kalthoum Kannou, magistrato (2015), Emma Bonino, politica (2016); Haifaa Al-Mansour, scrittrice e regista (2016).

Il Premio dedicato a Ipazia di Alessandria
Intellettuale poliedrica, Ipazia d’Alessandria (370 – 415 d.C. circa) eccelse in varie discipline, in particolare, la filosofia, la matematica, l’astronomia, e fu l’iniziatrice della scienza nella sua concezione moderna. Successe al padre Teone alla guida della Biblioteca di Alessandria e fu consigliera di autorevoli personaggi del suo tempo. Il vescovo Cirillo fu l’ispiratore della sua condanna a morte, per mano di fanatici cristiani, in modo cruento e simbolico.
Nella letteratura di epoca recente dedicata a Ipazia si distingue la voce di Mario Luzi: «Oh cara, dappertutto c’è divisione: tra ciò che si muove e ciò che sta, tra ciò che si disgrega e corre verso la gola spalancata del futuro e ciò che si aggrappa alle macerie per resistere. Ipazia è la coscienza di questo, e in più la forza che genera il moto».

IL PREMIO IPAZIA
“Per quanti credono nel ruolo determinante delle donne nella battaglia per i diritti umani ed il buon esito dei processi di pace, in uno dei momenti storici più difficili nel Mediterraneo, il Premio Ipazia intende porre l’accento sulle donne protagoniste dell’impegno sociale, politico e culturale che rappresentano la speranza per un futuro di pace.
Creare connessioni, favorire il dibattito, aumentare la consapevolezza insieme ai giovani sono le finalità del Premio che vuole attirare l’attenzione dell’opinione pubblica sui grandi temi dei diritti delle donne e del dialogo tra i popoli.
Il Premio Ipazia vuole contribuire a dare nuova forza e coraggio alle donne che in ogni angolo del mondo si battono per una società giusta, democratica e ispirata ai valori del rispetto della dignità della persona e della pace.
Le donne hanno deciso di accettare la sfida a guidare il cambiamento; il protagonismo e il ruolo primario femminile nei Paesi che attraversano la crisi culturale e politica nel Mediterraneo è segno del processo di democratizzazione di quei paesi.” (Consuelo Barilari – Dir. Festival dell’Eccellenza al Femminile)

Il Premio è assegnato ogni anno a 2 personalità, una nazionale e una internazionale che rappresentano Arte, Cultura, Scienza, Economia, Diritto e Società. La competente commissione del Festival individua figure di spicco e simbolo di eccellenza, esemplari nelle professioni, nelle arti, nella ricerca scientifica e tecnica e nel servizio sociale, tali da contribuire al progresso dell’umanità.
Obiettivo del Premio è quello di formare e sostenere nelle donne una consapevolezza più cosciente della propria identità, della propria storia e dei propri diritti, favorendo uno scambio interculturale tra le donne dei paesi dell’Europa e del Mediterraneo.
Il Premio ha lo scopo di accendere i riflettori dell’attenzione pubblica sulle esperienze di successo, anche senza notorietà, capaci di coniugare etica, estro, applicazione, ricerca, risultati economici e qualità.

Gismondi
Il Premio Ipazia consiste in un ciondolo d’oro a forma di medaglia disegnato e lavorato dalla più antica gioielleria di Genova: Gismondi.
Sul ciondolo è riportata l’effige di Ipazia e il nome della premiata.

PREMIO IPAZIA 2017 ALL’ECCELLENZA AL FEMMINILE
VIII edizione

Diviso in due sezioni, Nazionale e Internazionale quest’anno il Premio avrà la seguente motivazione: valorizzare la Rappresentatività Femminile. Il Premio Ipazia verrà consegnato a due donne che in ambiti differenti costituiscano in Italia, in Europa e nei paesi del Mediterraneo, un esempio di forza e impegno per le giovani generazioni e le donne.

Il Comitato del PREMIO IPAZIA ha attribuito:

il Premio Nazionale all’Eccellenza Femminile 2017 a Liliana Cavani, con le seguenti motivazioni: “Una donna e una regista, che ha saputo affermare l’Eccellenza al Femminile, nell’accezione più significativa di questo valore, in ogni momento della sua vita e della sua carriera. stimata e apprezzata a livello mondiale, attraverso la sua arte, la sua sensibilità e al contempo la sua forza ha esplorato la condizione umana in modo profondo e universale, con uno sguardo senza tempo e attento sempre alla condizione della donna in tutti i gli aspetti dell’esistenza. L’universo morale e quello filmico coincidono in Lei quale espressione di eccellenza nella sua forma più alta“.

Il Premio Internazionale all’Eccellenza al Femminile 2017 all’artista francese ORLAN con le seguenti motivazioni: “Una donna e un’artista fuori dagli schemi, esempio di rigore e coraggio nella ricerca, anche estrema, di nuove forme di identità del “femminile”, capace di interpretare con il suo corpo l’evoluzione dei tempi e della tecnologia, per comunicare verso le generazioni future con nuovi linguaggi artistici“.

 
Area Riservata
Edinet - Realizzazione Siti Internet